Argentina, sentenza storica: la Chiesa cattolica mandante degli omicidi dei sacerdoti che aiutavano il popolo

Copia-de-DSCN0001-620x250

 

rapsodiasatanica_oberdan-540x270

di Giulia De Baudi

E di papa Bergoglio che ne pensa?
«Faceva parte della gerarchia cattolica argentina. E la gerarchia era complice della dittatura. (…)».

Repubblica 5.5.14 – La retorica dei carnefici, il segreto delle uccisioni, la forza della memoria “Perché l’oblio collettivo è la morte”
Intervista all’argentina Elsa Osorio di Wlodek Goldkorn

Secondo la sentenza del tribunale de La Rijoa la Chiesa cattolica fu complice di crimini contro l’umanità durante la dittatura militare in Argentina tra 1976 e il 1983

La Chiesa argentina è stata giudicata complice della dittatura militare nella repressione contro los rojos, dagli anni che vanno dal golpe militare del 1976 al 1983. Nello specifico dell’ultima sentenza, l’istituzione religiosa risulta collusa con i militari Luciano Benjamín Menéndez, Luis Fernando Estrella e Domingo Benito Vera, assassini dei sacerdoti Carlos de Dios Murias e Gabriel Longueville. I due preti, che appartenevano al Movimiento de Sacerdotes del Tercer Mundo, – nato da una costola del movimento evangelico Teologia della Liberazione  –  nel luglio del 1976, furono sequestrati nella loro chiesa, torturati e uccisi.

Gli assassini sono stati condannati all’ergastolo un paio di mesi fa, da un tribunale de La Rioja, provincia del Nord del Paese. Le motivazioni della sentenza, pubblicate in questi giorni, puntano il dito contro la Chiesa Cattolica considerata complice della dittatura militare che fece scomparire 30.000 giovani argentini.

guerra2

Jorge Videla,  fedele Soldato della Chiesa

Nella sentenza di condanna per i responsabili militari della zona, i magistrati hanno chiarito che esisteva in tutto il paese un piano del regime in collaborazione delle alte gerarchie ecclesiastiche per eliminare i preti scomodi: «: «Non si trattò di fatti  isolati e fuori contesto, attuati per moventi particolari. Al contrario, chiaramente, l’assassinio di Murias e Longueville deve essere interpretato precisamente nel contesto di un piano sistematico per l’eliminazione di oppositori politici. (…) Certamente i membri del popolo di Dio, così come la società argentina in generale, si aspettano da un’istituzione così significativa come la Chiesa cattolica, un atteggiamento di più nitido e chiaro ripudio dei meccanismi e di chi, in un modo o nell’altro permise e consentì la realizzazione di fatti gravissimi come quelli che giudichiamo adesso». Questo è ciò che si legge nelle motivazioni della sentenza.

Nel novembre del 1975, durante una visita alla base aerea de Chamical, nella zona di La Rioja, il provicario castrense Victorio Bonamín disse che il popolo, ribellatosi allo sfruttamento disumano dei latifondisti, aveva commesso peccati talmente gravi che si potevano redimere solo con il sangue. Questo era il clima che si respirava in quegli anni.

martires4

Gli appartenenti al Movimiento de Sacerdotes del Tercer Mundo assassinati

Durante la dittatura (preparata sin dagli anni cinquanta, come scriveHoracioVerbitsky, nel suo libro ‘L’isola del silenzio,  dalla Chiesa cattolica argentina, in combutta con l’Opus dei, P2, potere economico, militari, politici)i preti progressisti, che idealmente avevano aderito alle istanze democratiche della Teologia della Liberazione, si trovarono non solo a dover contrastare i terratenientes (latifondisti)  e i militari, ma anche “l’indifferenza” della loro stessa gerarchia.

In realtà nella storia del Sudamerica i militari furono solo degli esecutori. I mandanti furono, come scrive John Perkins  nel suo libro Confessioni di un sicario dell’economia, coloro che stavano all’apice di un sistema creato per lo sfruttamento delle risorse umane e naturali: finanza, corporation, Chiesa cattolica.

sm13Nella didascalia accanto alla foto: Il papa Giovanni Paolo VI con il generale Gualtieri

e L’ammiraglio Jorge Anaya nel 1982

in una visita durante la guerra delle Malvianas

Secondo i giudici che hanno dettato la storica sentenza,  José Camilo Quiroga, Jaime Díaz Gavier y Carlos Julio Lascano, la scomparsa dei due preti della provincia di La Rioja, non fu «un fatto isolato», ma «parte di un piano sistematico di eliminazione degli oppositori politici». I sacerdoti Carlos de Dios Murias e Gabriel Longueville «facevano parte di un gruppo della Chiesa considerato nemico» e pertanto dovevano essere eliminati.

La Chiesa, secondo la sentenza, sapeva e lasciò fare. Nel giro di poche settimane, tra luglio e agosto del 1976, furono assassinati in provincia di La Rioja anche monsignor Pedernera e il vescovo Enrique Angelelli. In questo modo la Chiesa decapitò la cupola del pensiero evangelico cattolico dell’area.

1175254630_extras_ladillos_1_0

Woytjla “il santo” sempre in  compagnia di Gualtieri,durante la sua vista in Argentina

La Chiesa di Roma, scrive il giornalista argentino HoracioVerbitsky, non fu solo complice passivo della tragedia dei desaparecidos, ma autore attivo:«Laghi (il nunzio apostolico del Vaticano in Argentina N.d.R.) non agiva di sua iniziativa. La santa sede appoggiava la relazione speciale tra il suo ambasciatore e Massera”. (L’isola del silenzio)

 

«… i valori cristiani sono minacciati dall’aggressione di una ideologia che è rifiutata dal popolo. Per questo ognuno ha la sua quota di responsabilità, la Chiesa e le Forze Armate: la prima sta inserita nel Processo e accompagna la seconda, non solamente con le sue preghiere, ma anche con azioni in difesa e promozione dei diritti umani e la patria …»  (Nunzio papale, Monseñor Pío Laghi, 27/06/76)

dri4

L’ambasciatore americano Raul Castro

e il Nunzio Apostolico Pio Laghi,

assitono spensierati a una partita di tennis a Buenos Aires

(1978)

 

Quando, durante un incontro con il papa, Massera goffamente si scusò perché gli squadroni della morte avevano assassinato alcuni sacerdoti ed alcune suore a Buenos Aires, Paolo VI, visibilmente impacciato, rispose che si trattava di «episodi superati».

Inoltre la Chiesa argentina in combutta con CIA Forze Armate , Aviazione e Marina, preparò il golpe criminale. Fu sempre la Chiesa cattolica a prescrivere ai militari le modalità di assassinio dei prigionieri politici, che venivano gettati dagli aerei ancora vivi; la Chiesa cattolica, attraverso i propri cappellani militari, convinse i marinai reticenti e angosciati, a torturare e ad uccidere i desaparecidos, facendo dire loro dai preti in divisa militare che«separare l’erba buona da quella cattiva» era un precetto biblico da applicare senza nessun timore.

 

3f45f3ad83c94aaa242e5e2f99dd69e4_verybig

In Argentina, dagli anni cinquanta in poi, prelati, cardinali, vescovi, papi, fecero a gara per incoraggiare l’odio verso i ‘sovversivi’, tra i quali, come dice la sentenza dei giudici di La Rijoa, vi erano numerosi religiosi che appartenevano in gran parte ai movimenti popolari cristiani che volevano che il messaggio evangelico evocato dal Concilio vaticano secondo si tramutasse in giustizia sociale. Teologia della liberazione Montoneros, Movimiento de Sacerdotes del Tercer Mundo, furono alcuni dei movimenti cattolici nati in quegli anni.

les-deux-religieuses-comtoises-enlevees-en-1977-alice-domont-et-leonie-duquet-photo-d-archives-er

Le due religiose francesi Alice Domon e Léonie Duquet,

fotografate all’E.S.M.A. dopo il loro sequestro

e prima di venire torturate, uccise e fatte sparire

Chiesa cattolica, potere economico, militari, politici, Cia, dalla fine degli anni cinquanta, prepararono la logistica, indottrinarono e addestrarono i loro uomini con un fine preciso e lucido: eliminare la parte migliore del paese che, secondo loro, voleva: «… sovvertire l’ordine cristiano, la legge naturale o il progetto del Creatore».

Per fare questo la Chiesa argentina, appoggiata dalle gerarchie vaticane, al grido di “Dio è giusto”, non esitò a legittimare, la tortura, gli assassinii, e le sparizioni di migliaia di esseri umani: «Quando la Chiesa si sente minacciata nella sua stessa esistenza, cessa di essere soggetta a principi morali. (…) tutti i mezzi sono benedetti: inganno, tradimento, violenza, prigionia e morte», questo è ciò che facevano imparare a memoria a preti e militari nei corsi di ‘Guerra controrivoluzionaria’, dove molti docenti erano dei prelati cattolici.

«A volte, la repressione fisica è necessaria, è obbligatoria e come tale lecita»(Monsignor Miguel Medina, aprile 1982).

 

320153959_77c2d5a495

I giudici ricordano che le autorità ecclesiastiche argentine non mossero un dito per fermare la carneficina neppure davanti alle persecuzioni sofferte dai sacerdoti vicini ad Angelelli, scomparso in un misterioso incidente automobilistico, considerato poi un assassinio, mentre trasportava i documenti che informavano sulle persecuzioni e che sono serviti oggi come prova nei processi.

Tortolo_intMons. Tortolo con Videla e Gualtieri

Página 12, il quotidiano progressista di Buenos Aires che segue con attenzione i processi contro i criminali della dittatura, ha rivelato tempo fa dell’incontro tra i vertici della Conferenza Episcopale argentina e l’allora dittatore Jorge Videla, nel 1978. In quell’occasione, quando si parlò deidesaparecidos, il cardinale Juan Aramburu commentò che «il problema è cosa rispondere perché la gente smetta di fare supposizioni». Quindi il problema non stava negli assassinii di massa ma come nascondere la verità sui desaparecidos.
A quanto pare il rapporto ambiguo tra Chiesa cattolica e dittatura continua ad esistere. I giudici sostengono nella loro sentenza che ancora adesso le autorità cattoliche hanno «un atteggiamento reticente» verso chi vuole scoprire i crimini. Lo stesso parroco della parrocchia in cui furono sequestrati i due sacerdoti assassinati ha tentato di impedire l’ingresso nella sua chiesa ai giudici, sostenendo fossero in corso «esercizi spirituali», nonostante la visita fosse stata ampiamente annunciata.

Scrivono i giudici nella sentenza: «I membri del popolo di Dio, così come il resto della società argentina si aspettano oggi da un’istituzione cosi importante come la Chiesa cattolica un ripudio chiaro e nitido a chi permise che si perpetrassero i gravissimi crimini che conosciamo». Se i giudici fanno questo appello significa che la Chiesa cattolica vuole continuare a coprire i propri crimini in tutti i modi possibili. Inoltre, come per i mafiosi italiani, la Chiesa non ha mai scomunicato i criminali argentini.

videlacura

Videla alle prese con il “pasto evengelico” elargitogli dalla Chiesa cattolica

«I membri della Giunta Militare saranno glorificati dalle generazioni future»(Monsignor Bonamín, marzo 1981).

15 febbraio 2013

http://www.igiornielenotti.it/?p=10507

Annunci

0 commenti Post your own or leave a trackback: Trackback URL

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: